Le varietà e le specie di ortensie più belle da coltivare

0
varietà e specie di ortensie comuni e belle fiori

In questa mini guida botanica citiamo alcune delle specie e varietà di ortensie più comuni, maggiormente utilizzate nei giardini di tutto il mondo e considerate più belle.

Hydrangea Anomala

Hydrangea Anomala petiolaris ortensia rampicante

Pianta rampicante a foglie decidue, che si aggrappa ai sostegni grazie a radici avventizie. La pianta, nel caso non abbia sostegni, assume un portamento cespuglioso disordinato. Le foglie sono ovato-arrotondate, cuoriformi alla base e dentate.

Le infiorescenze sono in corimbi appiattiti, con una corona esterna di fiori sterili e fiori fertili al centro. La corteccia dei rami più vecchi tende a staccarsi. La sottospecie più utilizzata è Hydrangea anomala petiolaris.

Hydrangea Arborescens

Hydrangea Arborescens annabelle ortensia arbusto fiori

Arbusto a foglie decidue, con portamento eretto e denso. Le foglie sono ovate, con apice appuntito e dentate, verde scuro sopra e più chiare sotto. I fiori di queste ortensie sono in corimbi appiattiti, con una prevalenza di fiori fertili.

Ha una corteccia ruvida che tende a squamarsi; ogni strato ha un colore diverso. Gli steli contengono un modello che si elimina facilmente: per tradizione, in alcune zone degli USA vengono utilizzati come canne di pipa, una volta lavorati appropriatamente. E’ originaria della parte orientale degli USA.

Hydrangea Heteromalla

hydrangea-heteromalla snowcap ortensia

Arbusto a foglie decidue di medie dimensioni. Le foglie hanno forma variabile, da ovata ad orrotondata, e sono verde scuro sopra e più chiaro sotto. Le infiorescenze sono a corimbo e appiattite, con piccoli fiori fertili al centro e grandi fiori sterili, bianchi, all’esterno.

Tra le varietà più diffuse ci sono la “”Bretschneideri“, con grandi infiorescenze e corteccia che tende a staccarsi, e la “Snowcap“, con grandi fiori bianchi. E’ originaria dell’Himalaya.

Hydrangea Aspera

Hydrangea Aspera Ortensia

Arbusto o alberello a foglie decidue, con foglie quasi lanceolate e arrotondate alla base. Le grandi infiorescenze a corimbo, appiattite, hanno fiori sterili azzurri al centro e fiori fertili rosa-lilla o bianchi all’esterno. E’ originaria dell’Estremo Oriente, dall’Himalaya alla Cina.

Hydrangea Involucrata

Hydrangea Involucrata ortensia nana

Specie nana caratterizzata da un lungo periodo di fioritura. Le infiorescenze sono azzurre o rosa-lilla con una corona esterna di fiori bianchi o di un altro colore. E’ originaria del Giappone e dell’isola di Formosa.

Hydrangea Macrophylla

E’ la specie più nota e diffusa, che comprende anche molti ibridi. L’Hydrangea Macrophylla si divide in due grandi gruppi:

  1. Hortensia” (o Mophead), caratterizzate da grandi infiorescenze globose costituite per la maggior parte da fiori sterili;
  2. Lacecap” (o cuffie di pizzo), caratterizzate da una corona di grandi fiori sterili all’esterno che circonda un centro di piccoli fiori fertili.

hydrangea_macrophylla_new_tivoli_bleu_ortensia fiore

Le “Hortensia” presentano un assortimento imponente, che comprende piante nane, medie o grandi, erette e prostate, precoci o tardive, rustiche o delicate. Il colore dei fiori può essere bianco, rosa, rosso, viola o azzurro e, spesso, varia in funzione della reazione acida o alcalina del terreno.

Tra le varietà più note ricordiamo la “Bodensee”, la “Pia”, la “Nigra” e la “Altona”.

hydrangea macrophylla lacecap serrata ortensia

Più limitato, ma in rapida espansione, è invece l’assortimento delle “Lacecap“, che comprende numerose varietà che differiscono tra loro soprattutto per le dimensioni delle infiorescenze (le più grandi sono quelle del sottogruppo delle Teller) e per il loro colore. Colore che in molte varietà forma piacevoli contrasti tra i fiori esterni e quelli interni.

Tra le varietà a fiore bianco ricordiamo la “Libelle”, la “White Wave”, la “Fireworks”. Mentre tra le varietà a fiori colorati, che sono anche le più comuni,  degne di nota sono la “Blu Wave”, la “Mariesii” e la “Geoffrey Chadbund”.

Hydrangea Paniculata

Hydrangea Paniculata ortensia fiori a pannocchia

Arbusto caratterizzato da lunghe infiorescenze terminali a cono (pannocchie) di colore bianco crema e da foglie che in autunno assumono una bella colorazione bronzata. La varietà più diffusa è la “Grandiflora“, ma sono piuttosto comuni anche la “Floribunda“, la “Kyushu” e la “Unique“. E’ originaria del Giappone e della Cina.

Hydrangea Quercifolia

hydrangea quercifolia ortensia con foglie a quercia

Arbusto caratterizzato da grandi foglie con una forma simile a quelle di quercia, che in autunno assumono splendidi colori. Le infiorescenze sono allungate e comprendono sia fiori fertili che fiori sterili bianchi che tendono al viola-rosato quando invecchiano.

E’ in grado di fiorire in piena ombra, sotto la copertura degli alberi, purchè abbia umidità sufficiente. Le foglie hanno un bel colore autunnale. Vi sono alcune forme compatte, come “Pee Wee” (larga 1 metro e alta poco meno), con pannocchie bianche lunghe 8-10cm e foglie da rosa a rosso porpora in autunno. “Sikes Dwarf” è più larga, ma cresce fino a 80-100 cm.

Nella varietà “Snowflake” sull’apice dei sepali più vecchi ne crescono altri, dando un aspetto doppio ai fiori che sono pannocchie lunghe 10-15 cm. E’ originaria degli Stati Uniti.

Hydrangea Serrata

Hydrangea Serrata blue bird ortensia fiore

Considerati da molti esperti una sottospecie di Hydrangea Macrophylla, è un arbusto nano che produce fiori bianchi o blu del tipo “Lacecap”. Tra le varietà più note ricordiamo la “Blue bird”, la “Greyswood” e la “Preziosa”. E’ originaria della Corea e del Giappone.

Approfondisci: Ortensia – Hydrangea – Coltivazione e cura in vaso

Approfondisci: moltiplicazione delle ortensie per talea

Approfondisci: malattie delle ortensie, relativi rimedi e cure

"Coltivodame" promuove l'amore e il rispetto per la natura. Questo portale ha come fine lo studio, la documentazione, l’insegnamento e la discussione generate da queste tematiche. Le informazioni fornite non hanno scopo di lucro. Gli articoli proposti prendono spunto e fanno riferimento a libri di terzi. Per una conoscenza approfondita è possibile consultare la bibliografia (con relativo link diretto all’autore): QUI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui