Spatifillo – Spathiphyllum wallisii – Coltivazione e cura

0
Spathiphyllum wallisii coltivazione e cura in vaso consigli

Nome scientifico: Spathiphyllum wallisii, Spathiphyllum X Mauna Loa, Spathiphyllum

Nome comune: Spatifillo

Famiglia: Araceae

Paese di origine: Colombia

Genere composto da 36 specie di piante tropicali. È una pianta dal bel fogliame verde caratterizzata da una spata bianca che avvolge
l’infiorescenza. È una pianta facile da coltivare e la fioritura dura molto a lungo.

Spatifillo: coltivazione e cura

ESPOSIZIONE: durante il periodo estivo la pianta va tenuta in ambienti non troppo luminosi, mentre d’inverno è bene che stia in luoghi illuminati.

ANNAFFIATURA: d’estate va annaffiata ogni 3-4 giorni, d’inverno è sufficiente 1 volta ogni 10 giorni. Durante l’estate inoltre è bene tenere sempre un filo d’acqua nel sottovaso.

TEMPERATURA: esige una temperatura tra i 18° C e i 21° C, minima 12° C, massima 25° C.

UMIDITÀ: desidera un ambiente umido.

CONCIMAZIONE: nel periodo estivo concimare 1 volta ogni 10 giorni.

RINVASO: si rinvasa in primavera.

TERRICCIO: torba misto a sabbia.

Spathiphyllum wallisii coltivazione e cura in vaso

PULIZIA: con una spugnetta inumidita.

DANNI DOVUTI A CAUSE NON PATOGENE: se le foglie si sbiancano e presentano delle ustioni significa che la pianta ha preso troppo sole, quindi spostare in un ambiente più ombreggiato.

Se le foglie e i fiori afflosciano significa che manca acqua, immergere per qualche minuto il vaso nell’acqua e poi farlo sgocciolare.

Se non compare nessun fiore e le foglie sono piccole significa che il terriccio è esaurito, rinvasare in un vaso più grande, aggiungere terra nuova e concimare.

"Coltivodame" promuove l'amore e il rispetto per la natura. Questo portale ha come fine lo studio, la documentazione, l’insegnamento e la discussione generate da queste tematiche. Le informazioni fornite non hanno scopo di lucro. Gli articoli proposti prendono spunto e fanno riferimento a libri di terzi. Per una conoscenza approfondita è possibile consultare la bibliografia (con relativo link diretto all’autore): QUI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui