Rimedi contro il lofiro del pino

0
lofiro del pino rimedi e cure naturali

Il lofiro del pino (Diprion pini) assomiglia a un bruco, ma in realtà è la larva di un imenottero. Lo si trova soprattutto sui pini e sugli abeti.

Come individuarlo?

Il primo sintomo che ne tradisce la presenza è un arrossamento, in luglio, degli aghi nella parte superiore delle chiome, sui ramoscelli. Rosicchia gli aghi, che finiscono con il seccarsi e cadere.

Prevenzione del lofiro del pino

Azioni mirate. Una preventiva analisi delle conifere consente di intervenire con rapidità per evitarne l’infestazione. Piantate specie di conifere resistenti, adatte alle condizioni climatiche e al terreno della vostra regione. Il pino nero o pino austriaco (Pinus nigra Arnold) sarebbe resistente ai lofiri.

Trattamento curativo del lofiro del pino

Azioni mirate. Scuotete energicamente pini e abeti per far cadere le larve.

Predatori naturali. Ragni, roditori e certi uccelli (come la cincia) ne sono ghiotti.

Insetticida. Un insetticida per contatto o per ingestione si dimostra necessario in caso di forte attacco.

"Coltivodame" promuove l'amore e il rispetto per la natura. Questo portale ha come fine lo studio, la documentazione, l’insegnamento e la discussione generate da queste tematiche. Le informazioni fornite non hanno scopo di lucro. Gli articoli proposti prendono spunto e fanno riferimento a libri di terzi. Per una conoscenza approfondita è possibile consultare la bibliografia (con relativo link diretto all’autore): QUI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui