Come piantare e irrigare le ortensie nel modo corretto

0
come piantare ortensia in giardino nel modo corretto

Piantare le ortensie nel modo corretto

Il miglior periodo per la messa a dimora delle ortensie è la tarda primavera o l’autunno, anche se le piante coltivate in contenitore possono essere piantate tutto l’anno. Purchè il terreno possa essere lavorato adeguatamente. Non bisogna comunque mai piantare in periodi di gelate, siccità o vento forte. In una zona di terreno friabile e umido si scava una buca grande circa due volte la larghezza e la profondità del pane di terra della piante, quindi si lavora il fondo della buca con un forcone per smuovere il terreno e vi si amalgama del letame maturo o del compost ben decomposto. Prima dell’impianto bisogna bagnare abbondantemente il pane di terra e lasciarlo drenare.

La pianta di ortensia va posata nella buca in modo che la parte superiore del pane di terra sporga di poco dal livello del terreno. Si riempie quindi la zona attorno al pane con la terra estratta in precedenza mescolata con un po di torba o terriccio di foglie e si bagna il tutto.

come-piantare-correttamente-pianta-di-ortensia-hydrangea in giardino e nel terreno

In fine, si preme delicatamente il terreno intorno alla pianta creando una depressione leggermente concava e si aggiunge uno strato relativamente spesso (8-10cm) di pacciamatura.

Una buona pacciamatura può essere costituita da materiali organici come corteccia o terriccio di foglie. In alternativa si possono usare rami vecchi o altro materiale vegetale sminuzzati con un trituratore.

Se si pianta in un prato piano, bisogna lasciare attorno alla pianta una zona di terreno nudo e coprirla con una pacciamatura. Se si pianta in un terreno in pendenza, bisogna inserire nel terreno alcun pietre in verticale, o dei ceppi, per impedirne un rapido smottamento e il dilavamento. Se in fine si pianta vicino ad un muro, prima dell’impianto bisogna liberare il terreno dalle scorie calcaree e renderlo adeguatamente fertile, trattandolo con appositi prodotti.

Come irrigare le ortensie nel modo corretto

Le ortensie hanno notevoli esigenze idriche. Talvolta, anche se il terreno è umido, le foglie possono ugualmente appassire a causa del calore troppo intenso della luce solare e della mancanza di umidità nell’aria. Le ortensie, fortunatamente, quando la temperatura scende, si riprendono molto in fretta. Se invece appassiscono in posizioni ombrose significa che il terreno è troppo secco; in questo caso, un’irrigazione molto abbondante è sufficiente a farle riprendere.

innaffiare in modo corretto le ortensie hydrangea

E’ importante che le piante non siano soggette a stress idrici durante la primavera, quando si formano i capolini fiorali; dopo la fioritura, invece, richiedono una quantità minore di acqua. Particolare attenzione va inoltre prestata alle piante posizionate vicino ai muri, che vanno bagnate più frequentemente.

Per mantenere l’umidità del suolo, e dell’aria, è molto utile applicare uno strato piuttosto spesso di pacciamatura sulla superficie del terreno. Sempre meglio bagnare abbondantemente le piante a intervalli regolari, piuttosto che irrigarle spesso ma con minori quantità di acqua.

Lo strato di pacciamatura può essere rinnovato in primavera, e se ne può aggiungere ulteriormente nel corso della stagione, per mantenere una copertura permanente del terreno.

Approfondisci: come concimare le ortensie e quando potarle

"Coltivodame" promuove l'amore e il rispetto per la natura. Questo portale ha come fine lo studio, la documentazione, l’insegnamento e la discussione generate da queste tematiche. Le informazioni fornite non hanno scopo di lucro. Gli articoli proposti prendono spunto e fanno riferimento a libri di terzi. Per una conoscenza approfondita è possibile consultare la bibliografia (con relativo link diretto all’autore): QUI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui