La morfologia delle piante grasse

0
la morfologia delle piante grasse

La maggior parte delle piante grasse ha elaborato forme e strutture che rappresentano spettacolari adattamenti alla vita in condizioni ambientali difficilissime, contraddistinte da fortissimo calore ed elevata aridità.

Per la propria sopravvivenza queste piante hanno trasformato interamente gli organi costitutivi, ogni specie con caratteristiche particolari, per difendersi dal sole e per catturare e trattenere la preziosissima acqua nei propri tessuti.

Le forme, le dimensioni e le infiorescenze delle piante grasse

Diversificate in innumerevoli e talvolta sorprendenti maniere, le succulente si mostrano in dimensioni importanti o al contrario piccolissime e assumono fisionomie disparate:

  • grasse e tondeggianti, a colonna, a candelabro o a rosetta;
  • contorte e disordinate;
  • geometriche, lineari e aggraziate;
  • glabre o spinosissime, ricoperte di gomitoli setosi;
  • erette o prostrate

Analizziamo la morfologia delle piante grasse in base alle loro caratteristiche:

Il fusto carnoso e le forme delle piante grasse

Le foglie carnose: il serbatoio delle piante grasse

Le radici fascicolate e il fittone

Le spine nelle piante grasse

I fiori vistosi e profumati delle piante grasse

"Coltivodame" promuove l'amore e il rispetto per la natura. Questo portale ha come fine lo studio, la documentazione, l’insegnamento e la discussione generate da queste tematiche. Le informazioni fornite non hanno scopo di lucro. Gli articoli proposti prendono spunto e fanno riferimento a libri di terzi. Per una conoscenza approfondita è possibile consultare la bibliografia (con relativo link diretto all’autore): QUI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui