Come e quando fare le talee di ortensia: talea di punta, ramo e gemma

0
riproduzione moltiplicazione ortensia hydrangea consigli pratici

Il metodo più utilizzato per la propagazione delle ortensie è tramite talee, visto che la loro radicazione è estremamente facile.

Le talee si possono prelevare quasi tutto l’anno, tranne nel periodo di dormienza (da novembre a gennaio); si possono usare sia talee erbacee sia talee semi legnose o legnose, anche se le prime radicano più rapidamente e con più facilità.

Le talee vanno comunque sempre prelevate da rami robusti (da 0,75 a 1,25cm di diametro) utilizzando attrezzi da taglio ben affilati e sterilizzati, per evitare il diffondersi di malattie.

Si possono prelevare i seguenti tipi di talee:

  • talee di punta dalla parte terminale dei rami (lunghe 8-15cm, cioè da 1 a 3 nodi), da cui si eliminano le foglie inferiori. Queste talee radicano più rapidamente e facilmente delle altre.
  • talee di ramo con due occhi (dette a farfalla) da cui si svilupperanno due rami principali. Vanno prelevate dalla base dei rami, tagliando da prima orizzontalmente al disopra delle prime due gemme e poi circa 5cm al disotto del picciolo della foglia che si trova al disopra della seconda gemma successiva;
  • talee a gemma singola che vanno prelevate subito sotto la gemma, mantenendo inferiormente una porzione di fusto. Queste talee, estremamente sensibili agli stress, si utilizzano solamente quando i rami a disposizione sono pochi, anche perchè richiedono un maggior tempo di radicazione.

Per favorire la radicazione, che va effettuata in un vaso con un substrato a basa di torba e sabbia grossolana o perlite che consenta un drenaggio ottimale, è indispensabile mantenere un umidità elevata (nebulizzando spesso la pianta con acqua o racchiudendo il vaso all’interno di un sacchetto di plastica). Ideale è una temperatura di 18-21 C°, badando che i livelli di luce nella prima fase (cioè durante la prima settimana) siano piuttosto bassi. La radicazione avviene in genere nel giro di 3 o 4 settimane, ma il periodo può variare in base alla specie, alla varietà e al tipo di talea e al periodo dell’anno.

Gli ormoni radicanti (a base di acido indolbutirrico-IBA, o naftalenacetico-NAA) diluiti in talco o in una soluzione alcolica, spesso disponibili già pronti in commercio, possono favorire una più alta percentuale di radicazione. Sono inoltre consigliabili trattamenti con prodotti fungicidi. Le talee possono essere impiantate negli appositi cassoni di radicazione o in vasi singoli: in quest’ultimo caso bisogna utilizzare il substrato di coltura, che permette di eliminare così un successivo trapianto.

riproduzione moltiplicazione ortensia per talea talee

Attenzione all’irrigazione, che va fatta per aspersione: per prevenire marciumi radicali e del colletto bisogna mantenere un’umidità adeguata, evitando però i ristagni d’acqua.

Tra le specie che radicano più facilmente per talea ricordiamo:

  1. Hydrangea Macrophylla
  2. Hydrangea Arborescens

Mentre qualche difficoltà in più si riscontra nelle talee di:

  1. Hydrangea Anomala Petiolaris
  2. Hydrangea Quercifolia

Moltiplicazione delle ortensie per propagine

propaggine talee ortensie riproduzione

Questo metodo viene utilizzato principalamente per alcune specie con rami lunghi, come Hydrangea Paniculata e Hydrangea Quercifolia. Dopo una drastica potatura nel corso dell’inverno, in primavera si scelgono alcuni dei nuovi rami emessi e vi si pratica un’incisione sul lato inferiore. Si piegano poi i rami verso il basso, li si assicura al suolo e li si ricopre con uno strato di terra. Una volta che i rami hanno prodotto un nuovo apparato radicale e che si è sviluppata una nuova parte aerea, si separano le nuove piante dalla piante madre.

Moltiplicazione delle ortensie per seme

LA propagazione per seme, pur essendo molto semplice, viene utilizzata quasi esclusivamente per ottenere nuove varietà. I semi maturano due o tre mesi dopo l’appassimento dei fiori fertili, e possono essere seminati subito o immagazzinati in un luogo asciutto. La germinazione richiede tra i 10 e i 15 giorni. I semi di alcune specie, come Hydrangea Quercifolia, per germinare richiedono solamente un certo periodo di luce (e non vanno coperti con la terra). Mentre i semi di Hydrangra Anomala Petiolaris richiedono un periodo di circa due mesi di freddo (a una temperatura di 4-5 C°).

semi-di-ortensia-semina-hydrangea-riproduzione semi

La riproduzione tramite seme va effettuata in apposite seminiere o seminando direttamente in vaso (nel substrato di coltura), così da evitare un trapianto successivo, si utilizza un normale terriccio per semina a base di torba e sabbia o altro materiale inerte (per esempio la perlite). Prestare attenzione a non irrigare eccessivamente per evitare ristagni d’acqua e conseguenti marciumi.

Approfondisci Come cambiare colore alle ortensie

"Coltivodame" promuove l'amore e il rispetto per la natura. Questo portale ha come fine lo studio, la documentazione, l’insegnamento e la discussione generate da queste tematiche. Le informazioni fornite non hanno scopo di lucro. Gli articoli proposti prendono spunto e fanno riferimento a libri di terzi. Per una conoscenza approfondita è possibile consultare la bibliografia (con relativo link diretto all’autore): QUI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui