Come e quando fare la talea di geranio, moltiplicazione corretta

0
talee talea moltiplicazione gerani

Il geranio è una delle piante che si moltiplicano più facilmente per talea, tanto che chiunque abbia posseduto un geranio ha certamente sperimentato la soddisfazione di “creare” nuove piantine.

Le talee vengono in genere prelevate dalla pianta madre tra ottobre e aprile. In realtà non è tanto importante la stagione di prelievo quanto la consistenza del germoglio.

Il rametto che preleviamo deve essere ben turgido, non troppo tenero e distaccarsi facilmente a una nostra pressione delle dita.

Se il germoglio è tenero necessiterà di continue bagnature e cure per evitarne la disidratazione.

Come creare una talea di geranio

Si prelevano generalmente i rametti di geranio contenenti il germoglio apicale, per una lunghezza che comprende due o tre intersezioni fra la foglia e il ramo (dette nodi), tagliando subito sotto il nodo inferiore.

Le foglie basali presenti devono essere rimosse, almeno in parte, per evitare che la nuova piantina disperda inutilmente energie, che al contatto con il terriccio si verifichino dei marciumi e per facilitare l’introduzione della talea nel terriccio di radicazione.

talee di geranio appena prelevate dalla pianta madre

Il terriccio ideale deve essere leggero, be areato; la composizione consigliata è del 50% di torba e 50% di perlite, se si vuole sostituita in parte con della sabbia grossolana sterilizzata.

Il luogo per una radicazione ottimale deve essere ben riscaldato e a elevata umidità. E’ necessario intervenire con spruzzature frequenti a livello della chioma. In alternativa alle frequenti spruzzature, può essere più pratica la collocazione di una lastra di vetro o di cellophane sopra i vasetti, in modo da ottenere una piccola serra.

In 20-25 giorni le talee inizieranno a radicare. Quando le radici avranno raggiunto un buon sviluppo, fino quasi a occupare tutto il terriccio del vasetto, si potranno trasferire nel contenitore definitivo e iniziare a intervenire con le concimazioni.

In fase di radicazione, invece, è meglio non concimare, anzi è sconsigliabile, perchè ritarderebbe la formazione delle giovani radici e il loro successivo allungamento.

Le talee vanno poste in vasetti molto piccoli di 5-6-8 cm di diametro, o in contenitori plastici muniti di fori di piccolo diametro.

Prima di inserire i rametti nel terriccio per gerani può essere utile immergerne la base in una sospensione ormonale, contenente ormoni per la radicazione, le auxine, vendute sotto forma di polveri fini in cui va immersa la base delle talee.

Questi prodotti ormonali si trovano facilmente in commercio già preparati nelle giuste dosi, idonee sia per talee di consistenza erbacea, sia per talee legnose. Questo trattamento permetterà una formazione più rapida e un maggiore numero di radici, ma non influirà necessariamente sulla percentuale di radicazione.

talee di geranio in vaso

Quando creare una talea di geranio

Anche se il periodo di prelievo delle talee di geranio va, come abbiamo visto, da ottobre ad aprile, spesso vi è la necessità di avere nuove piante anche durante la stagione estiva. Le condizioni per una buona riuscita della radicazione non cambiano, anzi in questo periodo si hanno maggiori probabilità di successo.

Sono soprattutto due i casi in cui capiterà di prelevare le talee:

su piante dell’anno precedente, a inizio stagione, quindi verso il mese di aprile: se siamo riusciti a mantenere in buono stato le piante per tutto l’autunno e l’inverno si possono prelevare le talee quando i nuovi germogli hanno raggiunto una lunghezza sufficiente. L’operazione favorirà l’emissione di altri germogli laterali sulla nostra pianta madre.

in occasione della cimatura dei gerani, e cioè poco dopo    aver acquistato delle nuove piante.  Sulle giovani piante da poco acquistate, soprattutto se non abbastanza ramificate, una semplice spuntatura (che consiste nel togliere il rametto apicale) ci fornirà il materiale necessario. L’operazione favorisce il risveglio e l’apertura delle gemme ascellari, che daranno inizio alle ramificazioni laterali, quindi a piante più compatte e ramificate.

Approfondisci: cure colturali dei gerani

Approfondisci: La concimazione di base annuale per il giardino

"Coltivodame" promuove l'amore e il rispetto per la natura. Questo portale ha come fine lo studio, la documentazione, l’insegnamento e la discussione generate da queste tematiche. Le informazioni fornite non hanno scopo di lucro. Gli articoli proposti prendono spunto e fanno riferimento a libri di terzi. Per una conoscenza approfondita è possibile consultare la bibliografia (con relativo link diretto all’autore): QUI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui