Gusmania – Guzmania – Coltivazione e cura

0
guzmania coltivazione e cura in vaso

Nome scientifico: Guzmania

Nome comune: Gusmania

Famiglia: Bromeliaceae

Paese di origine: Sudamerica, America centrale, India

È una pianta perenne appartenente ad un genere con più di 110 specie, prevalentemente epifite. Le foglie lucide, con margini lisci, formano una rosetta che trattiene l’acqua.

È una pianta molto bella e decorativa e viene spesso utilizzata in composizione con altre piante. Le brattee fiorali sono di colore brillante, arancio o rosso e durano per molti mesi.

Gusmania: coltivazione e cura

ESPOSIZIONE: amano la luce, ma non il sole diretto.

ANNAFFIATURA: durante l’estate si bagnano abbondantemente, mettendo un po’ d’acqua anche dentro la rosetta, in inverno si diminuisce la quantità a 1 volta ogni 10 giorni. Meglio sarebbe poter bagnare con acqua piovana.

TEMPERATURA: preferiscono il caldo, ma non il secco. In primavera e in estate mantenere tra i 16° C e i 21° C; in inverno non sotto ai 13° C.

UMIDITÀ: essendo originarie delle foreste tropicali molto umide necessitano di umidità elevata. Quando fa molto caldo irrorare anche tutti i giorni.

guzmania coltivazione e cura in vaso consigli

 

CONCIMAZIONE: utilizzare un concime liquido 1 volta ogni 15 giorni nel periodo estivo.

RINVASO: alla fine dell’inverno. Si possono piantare anche i germogli nuovi quando la pianta secca.

TERRICCIO: terriccio acido e soffice.

PULIZIA: con un panno umido.

DANNI DOVUTI A CAUSE NON PATOGENE: se la rosetta perde colore e brillantezza significa che la luce non è sufficiente, se invece la rosetta marcisce e si sfalda le annaffiature sono troppo abbondanti. Se le foglie si ingialliscono significa che l’ambiente è troppo secco, bagnare la pianta e creare un ambiente più umido.

"Coltivodame" promuove l'amore e il rispetto per la natura. Questo portale ha come fine lo studio, la documentazione, l’insegnamento e la discussione generate da queste tematiche. Le informazioni fornite non hanno scopo di lucro. Gli articoli proposti prendono spunto e fanno riferimento a libri di terzi. Per una conoscenza approfondita è possibile consultare la bibliografia (con relativo link diretto all’autore): QUI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui