Giglio – Lilium – Coltivazione e cura

0
giglio coltivazione e cura

FAMIGLIA: Liliacee

NOME SCIENTIFICO: Lilium

Re dei bulbi estivi, amato per la bellezza folgorante, il profumo inebriante, la generosità della fioritura, il giglio arricchisce di colore macchie di arbusti, margini dei prati, bordure di erbacee, grandi vasi sul terrazzo.

I numerosissimi ibridi offrono splendidi fiori solitari o raccolti in racemi, tutti con sei tepali, in una gamma inesauribile di colori (eccetto il blu), puri o declinati in sfumature e maculature.

Lilium regale (alto fino a 2 m) è tra i più spettacolari, facili, affidabili e profumati.

Facile da coltivare, il giglio cresce bene sia al sole che alla mezz’ombra.

Il giglio predilige un terreno ben drenato, tuttavia tollera bene anche un terreno un po’ acido o un suolo un po’ calcareo.

I bulbi si interrano in autunno, a 15 cm di profondità, distanziandoli di 30 cm, a gruppi dispari (3-5).

Meglio dare loro una posizione riparata perché i venti potrebbero spezzarne i fusti.

giglio coltivazione e cura consigli

"Coltivodame" promuove l'amore e il rispetto per la natura. Questo portale ha come fine lo studio, la documentazione, l’insegnamento e la discussione generate da queste tematiche. Le informazioni fornite non hanno scopo di lucro. Gli articoli proposti prendono spunto e fanno riferimento a libri di terzi. Per una conoscenza approfondita è possibile consultare la bibliografia (con relativo link diretto all’autore): QUI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui