Come coltivare l’erba cipollina: semina, concimazione e malattie

0

L’erba cipollina, Allium schoenoprasum (LILIACEE), è una pianta erbacea, perenne, bulbosa che ricorda la cipolla, benché non presenti al pari di questa un fusto ingrossato. Possiede foglie sottili, lisce, tubolari, di colore verdastro.

I fiori, di colore rosa o rosa porporino, sono riuniti in eleganti capolini globosi. La fioritura ha luogo da giugno ad agosto. Dal sapore gradevolmente intenso, che ricorda la cipolla ma ben più morbido, l’erba cipollina è un eccellente aromatizzante di numerose pietanze.

Conosciuta fin dall’antichità, è probabilmente una pianta indigena dell’Europa settentrionale e dell’Asia. Attualmente viene coltivata in Europa, in Asia centrale e nell’America settentrionale. Esiste anche la varietà Allium tuberosum, dal sapore più intenso.

Il clima e il terreno ideale per coltivare l’erba cipollina

L’erba cipollina predilige i terreni fertili e ben drenati, anche se può crescere bene in terreni dalle non particolari caratteristiche. Pur preferendo le zone temperate, si adatta bene anche nei climi piuttosto freddi. Può crescere senza difficoltà sia al sole sia in posizione mediamente ombreggiata.

Concimazione e cure colturali dell’erba cipollina

Va annaffiata spesso durante il periodo estivo. Apporti idrici sono in particolare necessari dopo il trapianto o la semina, insieme con periodiche scerbature e zappettature.

Come e quando seminare l’erba cipollina

Si propaga per divisione dei cespi in autunno o per seme. La semina può avvenire all’inizio della primavera direttamente nell’orto, oppure in semenzaio in marzo per trapiantare poi in aprile. Le distanze da rispettare tra pianta e pianta sono di 25 cm sulla fila e di 50 cm tra le file.

erba cipollina coltivazione coltivare

Quando raccogliere l’erba cipollina

Le foglie si raccolgono già dopo 4 mesi dalla semina, durante tutto l’anno, a patto che abbiano raggiunto un sufficiente sviluppo; tagliata a livello del terreno, la vegetazione ricresce dopo il taglio, ma bisogna far attenzione a non indebolire eccessivamente i ceppi. È utile asportare i fiori prima che abbiano raggiunto il completo sviluppo, sempre che non si desideri conservare i semi.

Come coltivare l’erba cipollina sul balcone

Scelta della varietà L’erba cipollina è una bulbosa perenne alta poco più di 15 cm, che può essere usata anche come pianta decorativa per i fiori rosa e a forma di pompon, che però, per non togliere forza alla pianta, andrebbero tagliati appena compaiono.

Clima Vive bene sia nei climi caldi che in quelli freschi. Se in inverno la temperatura scende sotto lo zero le sue foglie si seccano, ma poi rispuntano in primavera. Per avere sempre a disposizione foglie fresche, si può portare la pianta in casa e sistemarla in un angolo luminoso, per esempio davanti a una finestra. Soprattutto al Sud preferisce le posizioni in leggera ombra.

Impianto o semina La semina può avvenire in semenzaio coperto all’inizio di marzo, oppure in primavera direttamente a dimora in un vaso largo 20 cm. Si possono anche acquistare le piantine già pronte.

Coltivazione Vuole un terreno di medio impasto e durante l’estate deve essere annaffiata abbondantemente, ma, come quasi tutte le aromatiche, va concimata con estrema moderazione. Le piante vanno rinnovate ogni 3-4 anni dividendo i cespi a fine inverno-inizio primavera.

Raccolta e impiego Nelle zone con inverno mite la raccolta avviene lungo tutto l’arco dell’anno tagliando le foglie rasoterra secondo la necessità e cominciando da quelle più esterne. Si consumano fresche e crude, tritandole fini per mescolarle alle insalate, oppure per insaporire burro e formaggi (hanno un sapore simile a quello della cipolla). Si possono anche surgelare.

"Coltivodame" promuove l'amore e il rispetto per la natura. Questo portale ha come fine lo studio, la documentazione, l’insegnamento e la discussione generate da queste tematiche. Le informazioni fornite non hanno scopo di lucro. Gli articoli proposti prendono spunto e fanno riferimento a libri di terzi. Per una conoscenza approfondita è possibile consultare la bibliografia (con relativo link diretto all’autore): QUI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui