Chamaerops Humilis – palma nana di San Pietro

1
palma nana san pietro chamaerops humilis

Genere: Chamaerops
Nome comune: Palma nana o palma di San Pietro
Altezza: 1-5 m
Esposizione: Sole e semiombra
Temperatura minima: -12 °C
Origine: Area mediterranea (Egitto escluso)

Habitat. È l’unica palma che cresce spontaneamente in tutta Europa; predilige i terreni calcarei tra la vegetazione a macchia e gli arbusti spinosi. In Italia è rustica quasi ovunque; è coltivata prevalentemente nelle zone litoranee e sulle rive dei laghi prealpini.

Descrizione. Ha spesso diversi tronchi che, in condizioni di coltivazione ottimali, possono raggiungere anche i 5 m di altezza, ma più frequentemente si fermano tra i 2 e i 3 m (quando cresce spontaneamente, in genere non supera i 2 m).

  • I fusti, più grossi nella parte alta, sono ricoperti dai resti dei piccioli e da una trama di fibre.
  • I piccioli, che possono arrivare ad avere una lunghezza tre volte superiore a quella della lamina fogliare, sono molto spinosi e misurano 1-1,5 m.
  • Le spine, lunghe 2-3cm, sono di colore giallognolo e formano un angolo acuto o quasi retto con il picciolo.
  • Le foglie sono flabellate o palmate, di un colore che varia dal verde scuro al verde-grigio, il lembo fogliare ha una forma semicircolare e può raggiungere i 50 cm di lunghezza e gli 80 cm di larghezza.
  • I frutti sono di colore giallo rossiccio. È una specie dioica (cioè con fiori maschili su un individuo e femminili su un altro); alcuni esemplari presentano invece fiori ermafroditi.

palma nana di san pietro chamaerops humilis in natura

Utilizzo. Molto rustica e resistente, può vivere in ogni tipo di terreno (umido e ricco, oppure asciutto e povero), anche se per ottenere risultati ottimali è preferibile piantarla in un terreno fertile e ben drenato, annaffiandola abbondantemente. Può essere coltivata tanto nelle località costiere calde quanto in zone fino a 1000 m di altitudine.

Crea effetti molto gradevoli coltivata in grossi vasi di materiali (per esempio terracotta o gres) per abbellire porticati, cortili o terrazze. Nei giardini viene utilizzata come esemplare unico o in gruppo con altre palme di specie più alte oppure con arbusti tipici della macchia mediterranea.

Altri aspetti di interesse. È una palma dalla crescita lenta. La scomparsa del suo habitat naturale, gli incendi reiterati e la raccolta di esemplari selvatici da piantare nei giardini privati ne hanno decimato la popolazione.

"Coltivodame" promuove l'amore e il rispetto per la natura. Questo portale ha come fine lo studio, la documentazione, l’insegnamento e la discussione generate da queste tematiche. Le informazioni fornite non hanno scopo di lucro. Gli articoli proposti prendono spunto e fanno riferimento a libri di terzi. Per una conoscenza approfondita è possibile consultare la bibliografia (con relativo link diretto all’autore): QUI

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui