Gli attrezzi per coltivare l’orto sul balcone

0
set attrezzi per coltivare ortaggi sul balcone

Oltre agli indispensabili contenitori, ai terricci e ai concimi, per realizzare e curare al meglio un orto sul balcone servono alcuni attrezzi, indispensabili per lavorare bene e in tutta sicurezza.

PALETTA E TRAPIANTATOIO La prima serve per riempire i vasi di terriccio, mentre il trapiantatoio consente di prelevare le piantine dal semenzaio e metterle a dimora senza danneggiare le fragili radici. Ha l’aspetto di una paletta con lama più o meno incurvata a cucchiaio anziché piatta, ed è generalmente di acciaio, talora verniciato, ma ci sono anche modelli in plastica. Per lavorare più agevolmente nei vasi e nelle cassette è preferibile scegliere i trapiantatoi a lama stretta.

FORATERRA di legno o di plastica, oppure con punta metallica e impugnatura di legno o plastica, serve per aprire nel terriccio le buchette in cui interrare i semi più grossi, come quelli delle zucchine. I più comodi hanno l’impugnatura a T o a L: si tengono in mano più comodamente e favoriscono i movimenti di rotazione che facilitano l’inserimento dell’attrezzo nella terra.

RASTRELLINO E SARCHIELLO Il rastrellino (in genere a 4 o 5 denti) si usa per livellare la terra nei contenitori più grossi e il sarchiello per smuovere la terra sulla superficie dei vasi in modo che non si formi una crosta che impedirebbe alle radici di respirare. Esistono in commercio modelli di sarchiello in poliammide rinforzata con fibra di vetro, leggerissimi e inattaccabili dall’umidità.

ZAPPETTA Può risultare utile per interrare i concimi oppure per rimuovere e rivoltare il terriccio più in profondità. Ci sono modelli a lama quadrata o a cuore, talora abbinata a un tridente o a un bidente, in acciaio temprato oppure in acciaio verniciato.

SETACCIO A maglia fine, è estremamente utile per vagliare la terra con cui si coprono i semi, evitando in questo modo la formazione di grumi.

ANNAFFIATOIO Per annaffiare bene le piante alla base senza bagnare le foglie è meglio scegliere il modello a beccuccio sottile e leggermente ricurvo.

Se invece si devono annaffiare le insalate da taglio va benissimo quello con la “cipolla” a fori molto fini. Quanto alla capienza, è consigliabile evitare quelli professionali (10 l) che, una volta pieni, risultano troppo pesanti.

SPRUZZATORE E IRRORATORE A PRESSIONE Con il primo si può inumidire il terriccio dei semenzai e bagnare le giovani piantine, mentre il secondo serve per somministrare agli ortaggi e alle piante da frutta i preparati anticrittogamici e antiparassitari. In entrambi i casi è preferibile che il beccuccio erogatore consenta di regolare l’ampiezza del getto dell’acqua o del liquido da nebulizzare.

CESOIE Si usano per potare gli alberi da frutta, cimare, fare talee, eliminare il secco. Le cesoie sono un attrezzo eclettico e indispensabile: è meglio optare per quelle di buona qualità, leggere, maneggevoli, e assicurarsi che siano della misura giusta. Ci sono in commercio anche modelli per mancini, per chi ha le mani molto piccole o molto grandi.

TUTORI, FILO DI RAFIA, CARTELLINI Canne di bambù, aste in metallo o graticci in legno servono per sostenere gli ortaggi più alti e il filo di rafia per legarli. Quanto ai cartellini, che possono essere dei materiali più diversi (plastica, rame, legno, terracotta), sono utili per annotare il nome della specie o della varietà e la data di semina o trapianto.

GUANTI DA LAVORO In lattice di gomma, in cotone con palmo puntinato in gomma antiscivolo, in nylon e sottile strato di latex sul palmo per favorire la presa… Tanti materiali per un accessorio che consente di proteggere le mani nello svolgimento di qualsiasi tipo di lavoro.

"Coltivodame" promuove l'amore e il rispetto per la natura. Questo portale ha come fine lo studio, la documentazione, l’insegnamento e la discussione generate da queste tematiche. Le informazioni fornite non hanno scopo di lucro. Gli articoli proposti prendono spunto e fanno riferimento a libri di terzi. Per una conoscenza approfondita è possibile consultare la bibliografia (con relativo link diretto all’autore): QUI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui