Piano cottura in vetro: ecco come pulirlo in maniera adeguata

Il piano cottura, come abbiamo nel tempo scoperto, è uno degli elettrodomestici in maggior misura impiegati in cucina, per tale motivo per mantenerlo sempre in perfette condizioni è indispensabile prestare una grande accortezza alla pulizia quotidiana. Tra le diverse tipologie di piano cottura in questo momento disponibili sul mercato quelli in vetro, temperato e vetroceramica, sono oggi tra i più gettonati non soltanto perché funzionali, tecnologicamente all’avanguardia e durevoli nel tempo ma anche perché capaci di donare eleganza e ricercatezza all’ambiente. Difatti oggi andremo a vedere assieme come pulire piano cottura in vetro in maniera giusta.

Dal design affascinantee dalla giusta resistenza, i piani cottura in vetro hanno bisognoperò di una pulizia giusta, ovvero devono essere trattati con prodotti peculiari così da evitare di rovinali o scalfirli.

Piano cottura in vetro: ecco come pulirlo in maniera adeguata

Per ripulire un piano cottura in vetro, di conseguenza, è importantissimo utilizzare un detergente specifico e delle spugne adatte, come ad esempio i panni in microfibra e le spugnette non abrasive, così come è fondamentale trattare con estrema cura le superfici, tenendo conto della differenza dei materiali utilizzati. Tale tipologia di piano cottura, infatti, può essere fatto in vetro temperato, vetroceramica e impiegata specialmente per quelli a induzione e cristallo, materiali che hanno proprietà diverse e che hanno bisogno di prodotti specifici.

Prima di tutto la pulizia di un piano cottura in vetro bianco o nero deve essere effettuata alquanto freddo, siccome in caso contrario il rivestimento potrebbe andare a guastarsi. Oltre a ciò, è importantissimoutilizzare una spugna non abrasiva per rimuovere macchie e incrostamenti, un panno delicato, come quelli in microfibra, per rimuovere eventuali resti di polvere e una pelle di camoscio o un panno in daino per detergere accuratamente il piano, in maniera da evitare la creazione di aloni.

Per quanto riguarda poi il detergente, è possibile ripulire poi il piano cottura con un detersivo specifico, liquido o spray, o anche con una soluzione fatta in casa, predisposta con ingredienti naturali. Se si impiega un prodotto apposito, ciò va spruzzato o messo direttamente sulle superfici e va poi utilizzata una spugna non abrasiva per togliere i resti di cibo e il grasso.

Poi, nel caso di incrostazioni alquanto ostinate si può impiegare l’apposito raschietto per piani in vetro o una spatola in silicone. Infine, una ottima idea è anche pulire il piano in vetro con una miscela di acqua e di sapone neutro nel frattempo poi se si preferiscono i detersivi naturali è possibile disporre in casa differenti soluzioni, perfette per tale superficie.

Lascia un commento